HOME PAGE    CHI SIAMO   SCOPI E OBIETTIVI    CONSIGLIO DIRETTIVO   SEZIONI TERRITORIALI    ARCHIVIO    COMUNICATI STAMPA    SITI UTILI      CONTATTI  
Questo sito utilizza cookie per migliorare la navigazione e il sito stesso. Proseguendo la navigazione acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. Ulteriori informazioni OK
Piazza Cardinal Ferrari, 1 (c/o l'Istituto Ortopedico Gaetano Pini) 3° piano palazzina Direzione Sanitaria

ANNO EUROPEO CONTRO IL DOLORE ARTICOLARE

News
Pubblicato il 12 gennaio 2016
 

Sappiamo bene quanto il dolore cronico sia difficile da vivere, accettare e comunicare. Spesso chi ne soffre si sente solo e poco capito dalle persone che gli stanno vicino; a loro volta famigliari e amici soffrono per il dolore che un loro caro vive quotidianamente.

Oggi la Federazione europea per il trattamento del dolore (European Pain Federation EFIC) lancia a Bruxelles la sua campagna per l'Anno Europeo contro il dolore (European Year Against Pain, EYAP). Con la nuova campagna l' EFIC intende accendere i riflettori su un problema di salute di cui soffre oltre la metà degli over 50. 'I dolori articolari sono fra i più frequenti disturbi di salute e una delle principali cause di invalidità', ha dichiarato il Presidente dell'EFIC Chris Wells. 'I dolori articolari diventeranno un problema ancora più urgente in futuro, con il crescente affermarsi dello stile di vita sedentario, la maggiore diffusione dell'obesità e l'aumento dell'aspettativa di vita. Inoltre il dolore cronico causa un enorme costo sociale sotto forma di spese sanitarie, assenza dal lavoro per malattia, invalidità'. Le terapie attualmente disponibili non producono gli effetti sperati; il Presidente dell'EFIC ha dichiarato che 'il trattamento deve essere migliorato. I pazienti devono ricevere una terapia adeguata in tempi più brevi, per poter combattere il dolore e preservare la funzionalità delle articolazioni. Il nostro intento è quello di indicare la strada per raggiungere questo obiettivo e fare opera di sensibilizzazione'.

leggi tutto
 

OBESITA' E MALATTIE REUMATICHE

News
Pubblicato il 11 gennaio 2016
 

Negli ultimi anni è emerso un importante legame tra l'eccesso di tessuto adiposo, quindi l'obesità, e le malattie infiammatorie croniche articolari quali l'artrite reumatoide e le spondiloartriti. Ad affermarlo è stata la Dottoressa Elisa Gremese, ricercatrice presso la Divisione di Reumatologia - Università Cattolica del Sacro Cuore - durante il Congresso della SIR (Società Italiana di Reumatologia) svoltosi a Rimini dal 25 al 28 novembre 2015.Come ha spiegato l'esperta 'diversi studi hanno dimostrato che i pazienti in sovrappeso e obesi soffrono di una forma di artrite reumatoide più aggressiva e resistente alle terapie, compresi i farmaci biotecnologici.'

leggi tutto
 

PIU' DRITTI CON IL TAI CHI CHUAN

News
Pubblicato il 08 gennaio 2016
 

ALOMAR Onlus ha avviato, a partire da quest'anno, anche un corso di Tai Chi Chuan oltre a quelli già attivi di Hatha Yoga e NIA (Neuromuscolar Integrative Action).

Il Tai Chi Chuan pone la massima attenzione sul tema posturale e lo approccia con modalità terapeutiche. Una buona postura permette al midollo spinale, che scorre nel canale vertebrale, di esercitare le proprie funzioni di connessioni nervose. Al contrario una cattiva postura può creare dolorose manifestazioni che possono preludere a rischi di ernie dovute alla riduzione degli spazi intervertebrali. Nella pratica del Tai Chi Chuan viene ricercata una morbida e leggera trazione che permette di aumentare gli spazi intervertebrali, ristimolando e allungando la muscolatura del busto in modo da riavvicinarsi il più possibile ad avere una colonna flessibile e capace di riassumere, nella vita quotidiana, le proprie curve fisiologiche.

leggi tutto
 

PRATICA YOGA E OSTEOPOROSI

News
Pubblicato il 07 gennaio 2016
 

Anche Yoga fa parte della rosa di corsi organizzati da ALOMAR Onlus. Ci fa piacere condividere alcune riflessioni riguardo questa disciplina,

Gli appassionati di Yoga 'sentono' un collegamento tra la pratica Yoga e alcuni benefici che essa produce: una maggiore flessibilità, un aumento della possibilità di movimento, muscoli più forti, miglior postura ed equilibrio, riduzione dello stress emotivo e fisico, un aumento della propria autostima personale. Dimostrare scientificamente questi benefici è impegnativo; ci ha pensato il dottor Loren M. Fishman, fisiatra della Columbia University e specializzato in medicina riabilitativa. Per anni ha raccolto dati sperando di riuscire a stabilire se lo Yoga può essere considerato una terapia per l'osteoporosi: con l'aiuto di tre collaboratori volontari e investendo denaro di tasca propria ha cominciato a cercare volontari in tutto il mondo per il suo esperimento. 741 persone - affette da osteoporosi o osteopenia - hanno risposto al suo appello e per un periodo di dieci anni (dal 2005 al 2015) hanno praticato Yoga con regolarità ogni giorno o almeno ogni due giorni.

leggi tutto
 
L'esperto risponde
Scrivi le tue domande di carattere medico scientifico e un nostro esperto ti risponderà.
I farmaci biotecnologici
Le ultime frontiere della farmacologia aprono un nuovo mondo alla ricerca sui farmaci.
anmar
 



Video informativi
Speciale Max Pisu
Il notiziario Alomar
 


pdfScarica pdf

 

Archivio notiziario Alomar