Una donazione al Papa Giovanni XXIII

Hai una domanda per noi?

Compila il form, sarà nostra premura rispondere in tempi brevi

Hai una domanda per noi?

Compila il form sara nostra premura risponderti in tempi brevi
Effettua una
donazione a sostegno
delle nostre attivita
ALOMAR ONLUS c/o ASST Pini-CTO
Piazza Cardinal Ferrari, 1 - 20122 Milano
C/C POSTALE Num: 52688207
Codice IBAN
IT 86 J030 6909 6061 0000 0113901

Dona il 5x1000 alla ricerca sulle malattie reumatiche
Codice fiscale 97047230152

Una donazione al Papa Giovanni XXIII

E’ stato donato al Day Hospital di Reumatologia dell’Ospedale Papa Giovanni XXIII un nuovo strumento per venire incontro alle esigenze di molti pazienti che soffrono di particolari patologie reumatiche e presentano difficoltà nell’individuazione delle vene durante i prelievi.

Si tratta di uno strumento visualizzatore a raggi infrarossi che consente di “vedere” le vene  dando un valido aiuto a medici e operatori sanitari evitando l’introduzione dell’ago più volte.

Dalla descrizione del prodotto della ditta fornitrice si rileva: “AccuVein AV 400 è una soluzione innovativa in grado di individuare digitalmente una mappa del sistema vascolare sulla superficie della pelle, consentendo ai medici di verificare la pervietà delle vene ed evitare possibili complicazioni. Si basa sull’Augmented Reality (AR), tecnologia in continua evoluzione in grado di arricchire la realtà percepita dai nostri sensi, soprapponendo informazioni artificiali e virtuali. L’AR è molto importante per i trattamenti endovenosi: trovare una vena non è sempre facile. Si stima che il 40% delle terapie si fermi al primo tentativo, causando dolore inutile, ritardi e traumi della pelle. Scanner dal peso di appena 270 grammi, AccuVein AV 400 utilizza la realtà aumentata per individuare i vasi sanguigni in modo efficace e veloce: un laser a infrarossi scansiona la pelle e i dati elaborati proiettano le immagini delle vene direttamente sulla cute, facilitando così il lavoro degli operatori sanitari soprattutto nei confronti dei pazienti più vulnerabili come bambini, anziani e adulti con indice di massa corporea molto elevato”.

Lo strumento è anche dotato di un braccio di supporto con sistema di fissaggio applicabile sulle aste porta flebo ospedaliere per consentirne l’uso con le mani libere.
 
Tratto da noiALOMAR n. 8 - marzo 2020

 


TI POTREBBE INTERESSARE



ARCHIVIO ARTICOLI

LA NOSTRA RIVISTA

Scarica i numeri precedenti

MAX PISU

IL NOSTRO TESTIMONIAL
×

Hai una
domanda per noi?
Scrivici!