Proroga del diritto di richiedere lo smart working (lavoro agile)

Hai una domanda per noi?

Compila il form, sarà nostra premura rispondere in tempi brevi

Hai una domanda per noi?

Compila il form sara nostra premura risponderti in tempi brevi
Effettua una
donazione a sostegno
delle nostre attivita
ALOMAR ONLUS c/o ASST Pini-CTO
Piazza Cardinal Ferrari, 1 - 20122 Milano
C/C POSTALE Num: 52688207
Codice IBAN
IT 86 J030 6909 6061 0000 0113901

Dona il 5x1000 alla ricerca sulle malattie reumatiche
Codice fiscale 97047230152

Proroga del diritto di richiedere lo smart working (lavoro agile)

Il lavoro agile, cioè lo smart working, può essere richiesto ulteriormente grazie ad una proroga dell'art.39 - L. 27 del 24/04/2020.

Il Decreto Legge 30 luglio 2020, n. 83 proroga fino al 15 ottobre 2020 il diritto di richiedere lo smart working  per le seguenti condizioni personali:
 
- handicap grave (art. 3 - c.3 - L. 104/92)
- famigliari all'interno del cui nucleo vi è persona con handicap grave (art.3, c.3 - L. 104/92)
- lavoratori immunodepressi
- famigliari conviventi di persone immunodepresse
compatibilmente con le caratteristiche della prestazione lavorativa eseguita.
 
Riportiamo il testo dell'articolo di legge prorogato dal DL 30 luglio 2020 fino al 15 ottobre 2020:
 
Art 39 - Legge 27 del 24 aprile 2020
Norme speciali in materia di riduzione dell'orario di lavoro e di sostegno ai lavoratori
 
1. Fino alla cessazione dello stato di emergenza epidemiologica da COVID-19 [ndr. 15 ottobre 2020], i lavoratori dipendenti disabili nelle condizioni di cui all'articolo 3, comma 3, della legge 5 febbraio 1992, n. 104 o che abbiano nel proprio nucleo familiare una persona con disabilità nelle condizioni di cui all'articolo 3, comma 3, della legge 5 febbraio 1992, n. 104, hanno diritto a svolgere la prestazione di lavoro in modalità agile ai sensi dagli articoli da 18 a 23 della legge 22 maggio 2017, n. 81, a condizione che tale modalità sia compatibile con le caratteristiche della prestazione.
 
2. Ai lavoratori del settore privato affetti da gravi e comprovate patologie con ridotta capacità lavorativa è riconosciuta la priorità nell'accoglimento delle istanze di svolgimento delle prestazioni lavorative in modalità agile ai sensi degli articoli da 18 a 23 della legge 22 maggio 2017, n. 81.
 
2-bis. Le disposizioni di cui ai commi 1 e 2 si applicano anche ai lavoratori immunodepressi e ai familiari conviventi di persone immunodepresse.
 
Ringraziamo AMRER – Associazione Malati Reumatici Emilia Romagna per questo contributo

 


TI POTREBBE INTERESSARE



ARCHIVIO ARTICOLI

LA NOSTRA RIVISTA

Scarica i numeri precedenti

MAX PISU

IL NOSTRO TESTIMONIAL
×

Hai una
domanda per noi?
Scrivici!